UFFICIO NAZIONALE PER LA PASTORALE DELLE VOCAZIONI
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Newsletter

1 Maggio 2022

Sussidi per l’animazione vocazionale 2022

59a Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni, 8 maggio 2022

22 Dicembre 2021

Rivista ‘Vocazioni’ 6/2021 “Bisognava fare festa” (Lc 12,32)

È l’invito che la Liturgia ci propone nel tempo di Avvento invitandoci a liberare gli occhi e il cuore dalle mille pesantezze e dissipazioni della vita per allenarsi a riconoscere che il Regno di Dio che è vicino non solo nel tempo ma anche nello spazio. La gioia della vocazione viene dal riconoscere il bene nascosto nelle cose e che emerge come un puntino luminoso nella notte, come una stella nella buia coperta del cielo.

12 Ottobre 2021

‘Appigli’
Punti di attracco nell’itinerario vocazionale

Appigli, ecco il titolo del Sussidio di quest’anno, che intende evocare tutto questo alla luce del tempo che stiamo vivendo.
Una ricerca vocazionale che nel momento della crisi sappia cogliere e reinterpretare lo sconvolgimento dei nostri equilibri, aprendoci alla possibilità di confrontarci con le nostre paure, con il nostro ostacolo, sapendo di doverlo affrontare in prima persona senza facili scorciatoie, abbandonandoci a chi il Signore ci pone accanto nel cammino della vita.

2 Agosto 2021

C’è dell’oro in queste ferite

Traumatizzati o trasformati? La Vita Consacrata durante o dopo il Covid-19

14 Luglio 2021

«Fare la storia» (Fratelli tutti, 116)

La ricerca vocazionale e il suo discernimento chiede responsabilità, quella abilità a rispondere che coinvolge la nostra libertà, le nostre mani, il nostro fare.

9 Ottobre 2020

Accrescevano l’unisono e l’armonia fra loro

Il Silmarillion si può dire che faccia da prologo al Signore degli Anelli: non tratta solo degli avvenimenti precedenti alla storia della Compagnia dell’Anello, ma sale addirittura su, fino alla genesi del mondo di fantasia, chiamato Arda, in cui si colloca la vicenda.

9 Ottobre 2020

God’s eye view: il punto di vista di Dio

In inglese, il punto di vista che si ha quando la macchina da presa viene posizionata direttamente sopra la scena si chiama God’s eye view, un’espressione che tra l’ironico e il serio individua in Dio colui che guarda dall’alto e che guarda tutto.

9 Ottobre 2020

Ottobre – Direttore

Quando la concentrazione è tutta fissa sul proprio spartito, è difficile sapere cosa sta succedendo dall’altra parte dell’orchestra. E quando si suona al proprio posto è difficile sapere cosa sta ascoltando lo spettatore seduto al centro della platea.